A Cena dal Cavaliere Nero! [scd n°3]

Siete stati invitati a cena dal Cavaliere Nero ma non sapete come vestirvi. Vi sconsiglio assolutamente di portare con voi il vostro vestito più provocante!

Benvenuti in questa nuova SCD (single card discussion), la n°3 precisamente. Dopo aver accuratamente visto con quel purulento granchio due servitori molto rischiosi come Vilrazziatore e Alamorte (clicca >qui< se te le sei perse!) oggi ci apprestiamo ad analizzare uno di quei servitori situazionali, che possono essere forti in alcune condizioni di gioco mentre mancano di utilità in altre. Possiamo denominare questi servitori Tech Minion.

La Carta

Ma veniamo alla carta: il Cavaliere Nero è un servitore neutrale, leggendario e dal disegno estremamente aggressivo. Inviato dal Re dei Lich arriva dal set classico e come la maggior parte delle altre carte del set possiamo sbustarlo, craftarlo (al costo di 1600 polveri) o vincerlo come ricompensa in arena.

a cena con il cavaliere nero .pnga cena con il cavaliere nero scd.gif

Come potete osservare il suo alto costo non può essere giustificato dal suo body esiguo: 6 cristalli per 4/5 (4+5=9, quando sappiamo che un buon servitore ha statistiche sommate che sono pari al doppio del suo costo, come ad esempio per sei cristalli un 6/6, 6+6=12), ma è l’effetto a controbilanciare la cosa: Grido di Battaglia: distruggi un servitore nemico con provocazione. Effetto gigante se usato nella situazione giusta ma perfettamente inutile se non ci sono servitori provocanti dall’altra parte del campo. Questo è quello che si chiama un vero e proprio servitore situazionale, un Tech Minion. Esistono servitori che hanno effetti situazionali ma che comunque rimangono giocabili in qualsiasi momento per fare presenza sul campo: un esempio può essere Tecnocontrollore in arena che, nonostante il suo forte grido di battaglia, può essere giocato di terzo turno, se necessario, ad occupare il campo o fare pressione non avendo altri servitori disponibili anche senza doverne per forza attivare l’effetto. Questo discorso con il Cavaliere Nero è più arduo, in quanto calarlo senza attivarne l’effetto significherebbe spendere 2 cristalli in più per avere uno Yeti di Ventofreddo, non un buon affare…

In che mazzo giocarlo?

None shall pass… (non proprio in realtà)

Ci ritroviamo quindi a gestire un servitore complesso, il cui inserimento nel mazzo va ponderato con cura: sarà necessario analizzare il metagame nel quale vogliamo giocare per prendere una decisione. Distruggere piccoli servitori con Provocazione può essere buono, ma forse non abbastanza per giustificare l’inserimento del nostro cavaliere (a cui potremmo preferire molti atri Tech Minion leggendari) e soprattutto non vedere servitori con provocazione renderà il cavaliere una cartaccia come abbiamo visto prima. Lo vedremo così inserito in mazzi di vario tipo che si aspettano dal metagame avversari estremamente lenti, controllosi, che giocano diversi servitori con provocazione, come ad esempio Ramp Druid.

In Arena

Più forte che in costruito, il Cavaliere Nero si mostra per quello che è in arena. Sebbene in alcuni metagame possa rivelarsi fenomenale, generalmente è in arena che questo carro di morte galoppante dà il suo meglio. In questa modalità infatti, dove fondamentale è il controllo del board, il cavaliere, con una sola mossa, ci permette di rimuovere una carta avversaria (quasi tutti i mazzi in arena giocano buoni servitori con provocazione come ad esempio Aberrazione delle Paludi o Guardiano di Sen’Jin) e piazzare sul campo una presenza rilevante con un bel 5 di costituzione, duro da togliere eh!

Avere il Cavaliere in mano in arena può significare vincere una partita. D’altra parte, rispetto ad altre leggendarie, il Cavaliere Nero non ti permette di vincere la partita da solo. L’oscuro signore ha bisogno della collaborazione del resto del mazzo affinché tu mantenga il vantaggio carte che ha creato, carte come Ragnaros o Ysera invece ti consentono di ottenere un vantaggio carte molto superiore, di turno in turno, e il loro elevato costo in cristalli non ci peserà molto in arena, cosa che potrebbe farceli preferire al Cavaliere.

Quando, di fronte alla triplice scelta, dobbiamo scegliere chi prendere tra il nostro Cavaliere Nero e gli altri due servitori leggendari pensiamoci bene! Il Cavaliere è senz’altro una forte carta ma non è il finisher che magari ci serve nel mazzo, se siamo alla ricerca di un finisher guardiamo altrove.

I nostri voti

Come la pensa Neptulone:

Costruito stella.gifstella.gif

Arenastella.gifstella.gifstella.gifstella.gif

Come la pensa Hungry Crab:

Costruitostella.gifstella.gif

Arenastella.gifstella.gifstella.gifstella.gif

Come la pensa Johnny Rotten:

Costruitostella.gifstella.gif

Arenastella.gifstella.gifstella.gif

In Conclusione

Il Cavaliere Nero si può definire una carta più che buona, con un overall rating di 2,83 nelle due modalità di gioco, sebbene richieda un minimo di testa nel momento dell’inserimento del mazzo… Quando giocarla? Beh su un succulento Treant Legnoferreo no?

Siete stati bene a cena con il Cavaliere? Avete bevuto buon vino e mangiato sani polli arrosto? Se sì commentate, condividete e mi raccomando, beeeveteeee!

ma mi raccomando, non ti dimenticare di visitare la nostra pagina Facebook se vuoi rimanere sempre aggiornato sugli ultimi articoli!

Per ora è tutto dal vostro rappresentante, Neptulon è sempre con voi!

 

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...